mercoledì 4 novembre 2009

Le preoccupazioni francesi sul nucleare che si ferma (per manutenzione!)

Nel giorno della notizia dei dubbi sollevati dalle autorità di sicurezza nucleare sui sistemi di “comando/controllo” dei reattori EPR, in Francia i blogger di cosa discutono?
Ebbene, i blogger d’oltralpe si mostrano preoccupati. Ma – sorpresa! – il loro rammarico è dovuto a un’altra notizia, che ha suscito molto più clamore : La France va devoir importer massivement de l'électricité pendant plus de deux mois cet hiver. Ossia, la Francia dovrà importare energia dall’estero per un periodo più lungo di due mesi nel prossimo inverno.
Il motivo? 18 reattori nucleari sui 58 di cui dispongono non saranno più operativi perché sottoposti a manutenzione.
Eh si, perché come si legge qui "Le parc nucléaire assure plus de 76 % de la production d'électricité de la France...", i francesi con il loro nucleare riescono quasi a soddisfare la richiesta di energia e non gli va proprio giù questa loro dipendenza “momentanea”!

Insomma, i francesi sono preoccupati, come riportato qui , qui e infine qui dove in un commento, se la prendono anche con gli scioperi avvenuti in primavera che hanno fatto slittare i lavori di manutenzione proprio in inverno, quando l’energia era più richiesta:
"Merci aux écologistes et à geen-pisse : ils ruinent peu à peu la France qu’ils veulent ramener à l’ère préhistorique !" E se i francesi parlano di preistoria … cosa dovremmo dire noi ?

1 commento:

  1. Ciao, mi chiamo Guido Mastrobuono e sono un cacciatore di articoli per un concorso che si chiama “Concorso Permanente di Parole ed Immagini” e mette a confronto articoli che stimolino una discussione in ambito folisofico, sociale o politico (vedi l’indirizzo http://lavoristi.ning.com/profiles/blogs/concorso-permanente-di-parole ).

    A mio avviso, questo articolo arricchirebbe il nostro concorso e volevo suggerirti di inserirlo.

    Il concorso, in realtà, è una scusa per convincere la gente a metterci a disposizione spunti per la discussione. Noi poi ne parliamo e ci creiamo un’idea nostra sui più svariati argomenti.
    Infatti, la concorrenza tra autori non è una cosa che ci appartiene: noi creiamo nella collaborazione. E dal confronto con gli altri, noi aumentiamo il nostro sapere.
    Comunque la pubblicazione offerta in premio ai vincenti è vera ed effettiva.

    Se lo vorrai, potrai tranquillamente inserire, al piede degli articoli un link al tuo blog cosa che lo renderà più noto e facilmente raggiungibile.

    Un saluto

    Guido Mastrobuono

    RispondiElimina